lunedì 19 febbraio 2018

IL VERO GENTILUOMO di GRACE BURROWES - Le recensioni di Annalisa

Buon Lunedì Disasters!
Oggi vi lascio la recensione di un libro storico particolare edito da Leggereditore.
Si tratta de "Il vero gentiluomo" di Grace Burrowes.

Titolo: Il vero gentiluomo ( serie True Gentlemen vol 1)
Autore: Grace Burrowes
CE: Leggereditore
Prezzo: ebook 4,99 euro - cartaceo 12,90 euro

TRAMA.

Tremaine St Michael è un facoltoso commerciante di lana, completamente dedito al lavoro. Sempre in giro per il mondo alla ricerca dei migliori affari, raramente soggiorna a lungo nello stesso posto, finché nel Kent, ospite nella tenuta di un caro amico, il conte di Bellefonte, le cose sembrano prendere una piega inaspettata... L’incontro con l’affascinante e riservata lady Nita Haddonfield non lo lascia indifferente, e per una volta Tremaine spera di poter finalmente conciliare gli affari con il piacere. Le cose, tuttavia, non vanno secondo i suoi piani: anche se in età da marito, infatti, la giovane donna non vuole sentir parlare di matrimonio, preferendo di gran lunga dedicare le proprie energie ad aiutare le persone bisognose della contea. Ma, si sa, al cuore non si comanda, e suo malgrado Nita inizia a provare interesse nei confronti del sensuale commerciante, un sentimento destinato a crescere e che, a lungo andare, le sarà impossibile nascondere. Anche perché Tremaine non è certo un uomo che si arrenda facilmente, e farà di tutto pur di scalfire le ritrosie della dolce Nita...

RECENSIONE.

Avevo già letto un paio di anni fa questo libro, consigliatomi da un gruppo di patite di romance storici.
Non conoscevo Grace Burrowes, non l'avevo mai sentita nominare prima...vi dico solo che nel giro di una settimana mi sono letta tutta la sua True Gentlemen Series (di cui questo è il primo volume) più il prequel.

Questo primo libro per me è stato amore a prima vista.
Tutto il contrario di ciò che accade ai nostri protagonisti.

Ci siamo abituati agli storici della Kleypas o ai classici della Woodwiss...bene, dimenticateli!
L'eroe di questa storia ha un gran cuore, è sensibile e a tratti ingenuo...è benestante ma ha costruito la sua fortuna lavorando duramente.
L'eroina è in età da marito, ma non vuole sposarsi. Non vuole fare la moglie, ma il fratello di lei, preoccupato di ciò che la sorella adora fare nel tempo libero, la vuole maritata al più presto, cosa che ispira nella nostra eroina Nita un senso di ribellione e repulsione al legame.

Questo libro offre uno spaccato della vita di due condizioni sociali ben diversi: gli agiati, con lusso e mezzi, e i veri poveri, malati e ai margini del mondo.
Nita adora aiutarli...lo vede come un suo dovere cristiano, etico e morale...in un'epoca in cui la donna e la professione di medico (come qualsiasi altra professione onorevole) erano inconciliabili.

In questo scenario i due cominciano a conoscersi, ad innamorarsi...un'attrazione che però si farà attendere...proprio a causa di queste diversità e divergenze di opinione.

Di questo libro ho apprezzato la realtà...quel realismo di ambiente e di persone e di sentimenti. Perchè l'amore, quello vero richiede sacrifici, richiede confronti, richiede scontri.
Ho adorato veder crescere il sentimento.
Come ho adorato quando lei lo rifiuta perchè lui non riesce a capire la sua vocazione di guaritrice.

Finalmente due caratteri forti. Convinti del loro carattere e del loro ruolo nel mondo.
Finalmente due personaggi che decidono di venirsi incontro, di incontrarsi a metà strada, accettando tutto dell'uno e dell'altro.

Perchè il libro di questo parla, del vero amore (il titolo originale infatti è "il vero amore di Tremaine").
E il vero amore si coltiva con sacrificio, con le risate, con il confronto, con la comprensione...volendosi bene senza condizioni.

Ovviamente consiglio questo libro alle amanti dello storico, ma anche alle donne che vogliono leggere di un'eroina testarda, che mette se stessa dopo gli altri, e di un eroe, che vorrebbe proteggerla mettendola prima di tutto il resto, che si innamorano nonostante tutto.



Nessun commento:

Posta un commento