mercoledì 28 febbraio 2018

Blog Tour "Petali dalla Luna" di Reika Kell: colonna sonora di Petali di Luna


Oggi il blog partecipa alla seconda tappa del Blog Tour dedicato al romanzo di Reika Kell, con la colonna sonora di Petali di luna.

Vi proponiamo le canzoni che accompagnano la lettura di questo romanzo. Scorrete la pagina e lasciatevi conquistare.

  • Questa ha accompagnato il viaggio di Isa verso la sua nuova città e il nuovo posto di lavoro alla Cosmos. Lei guarda fuori dal finestrino del treno, rassegnata, la vita che le scorre davanti e riflette su sé stessa e sul suo passato


  • "You" invece accompagna i dolci momenti tra lei e Nian, a partire dal loro primo incontro fino agli istanti di condivisione, di musica e di emozioni.


  • "Sleeping at last" accompagnano i momenti di disperazione e perdizione interiore di Isa. Mercury è una canzone che culla la protagonista in un oceano di dolore, devastazione, confusione, senso di smarrimento. "No one can unring this bell, unsound this allarm, unbreak my heart new".


  • "Disarm" dei "The Civil Wars" esprime il legame tra Nian e Isa, fatto di luci intermittenti e di buio condiviso. "The Killer in me is the Killer in you". Mi ha ispirato molto ascoltare questa canzone, perchè le due voci - femminile e maschile - che si alternano, mi facevano immaginare la danza sofferta e estremamente voluta da parte di entrambi.


  • "Epilogue", sempre di Keaton Henson, si occupa della parte finale del romanzo. Culla il delicato scioglimento del plot e conduce Isa verso la fine della sua storia... E' questa canzone che ho immaginato mentre scrivevo le ultime pagine.




Se volete seguire le altre tappe del Blog tour vi lascio le date qui sotto:
26 febbraio 500 sfumature di libri - Presentazione Petali della Luna
28 febbraio Libri e altri disastri - Colonne sonore di Petali della Luna
03 marzo Lettrice Abusiva - Intervista all'autrice
06 marzo Fantasticando sui libri - Estratti di Petali della Luna
10 marzo Il blog di Tiziana Cazziero - Recensione di Petali della Luna

Nessun commento:

Posta un commento