#Disastercontest: intervista alla vincitrice Sonia Gimor

Ciao Sonia, bentornata sul nostro blog! Questa intervista è il premio per la tua creatività, hai convinto tutto lo staff con la tua storia, quindi… Complimenti!
Partiamo dalla base. Chi è Sonia Gimor dentro e fuori le pagine di un libro?
Ciao a tutti! Grazie infinite per questo spazio e per aver apprezzato la mia trama durante il contest! Chi è Sonia Gimor? Sonia Gimor è molte cose, in realtà. È una moglie, una mamma, una maestra d’asilo, una titolare, un’autrice… e da qualche mese anche una editor. Non ci si annoia mai, insomma… sarebbe possibile avere giornate da quarantotto ore?


Hai all’attivo molti romanzi, tra quelli in self publishing e quelli con la casa editrice. Un bilancio della tua carriera fino a qui? C’è qualcosa che avresti voluto fare prima o che vorresti cancellare?
Pensare alla mia “carriera” mi emoziona sempre. Sono partita del tutto inconsapevole, sei anni fa. Incredibile che sia già passato tutto questo tempo! In questi anni ho vissuto momenti incredibili. Ho avuto moltissime soddisfazioni, ma mi sono presa anche la mia bella dose di delusioni… tutto sommato però il mio percorso mi sta facendo crescere, esperienza dopo esperienza, quindi no, non modificherei nulla di ciò che ho vissuto fino a oggi.


Tra tutti i tuoi romanzi ce n’è uno che ha un posto speciale nel tuo cuore? Se sì, quale e perché?
Ogni storia che ho scritto ha un suo perché, però ammetto che Luca e Giulia occupano un posto d’onore nel mio cuore. È con loro che sono riuscita ad arrivare a un gran numero di lettori, ed è con loro che ho davvero messo in gioco me stessa. Devo però confessarvi che il nuovo libro potrebbe dare del filo da torcere a Luca e Giulia.


Come nasce una storia nella tua testa? Prendi ispirazione dalla vita reale o è tutto frutto della fantasia?
Una giusta via di mezzo. Ci sono storie che invento di sana pianta, altre hanno dei riferimenti a ciò che vivo. In ogni storia, comunque, c’è una parte di me. Che siano piccoli episodi, dialoghi, gusti o considerazioni o desideri, in ogni romanzo che ho scritto ho inserito qualcosa di assolutamente personale.


Hai vinto il nostro contest dedicato alla musica, quindi la domanda sorge spontanea… che ruolo ha la musica nella tua scrittura? 
Importantissimo. Non ascolto musica mentre scrivo, perché mi deconcentra, ma molte delle mie storie sono nate proprio dal testo di una canzone. Adoro ascoltare le parole dei testi, soprattutto italiani, e dall’ascolto alla nascita di una nuova trama il passo è davvero breve.


Da qualche mese, assieme alla nostra colonna portante Jessica, ti occupi della sezione dedicata ai romanzi rosa della “Gilgamesh edizioni”. Com’è stare dietro ai libri degli altri? Ti aiuta anche come autrice? 
Aiuta molto a livello di consapevolezza. Curare il romanzo di un autore è una responsabilità pazzesca; significa dedizione, concentrazione e studio. Tantissimo studio. Devi aiutare l’autore in questione a “titare fuori” il meglio dal suo testo senza però intaccare il suo stile o il suo messaggio. Non è facile. È un’esperienza nuova e ci stiamo impegnando al massimo per regalare alle lettrici una collana di qualità. Il lavoro è tantissimo, la selezione dei testi e l’editing richiedono moltissime ore, ma siamo una bella squadra e c’è sintonia, sia con Jessica che con Lucrezia. Lasceremo ai fatti l’arduo compito di giudicare il nostro lavoro.


Qual è il tuo sogno nel cassetto legato al mondo dell’editoria? 
Il sogno della Gimor autrice è bello grande: riuscire a realizzare il film di uno dei miei romanzi (punto un po’ troppo in alto, lo so, ma solo chi sogna può volare, giusto?)


Chiudiamo questa piccola intervista con una domanda che mi interessa tantissimo…. Ci puoi parlare dei tuoi prossimi progetti? 
Con molto piacere! Non posso ancora svelare la data, ma presto uscirà “Tra le pagine di un libro”, edito Gilgamesh Edizioni. Sarà un romanzo interessante, dove la storia d’amore tra un editore e un’autrice accompagnerà il lettore alla scoperta di tutto ciò che si cela dietro al mondo del romanzo rosa. Sotterfugi, gruppi segreti, voltafaccia, recensioni studiate a tavolino… in questi anni ho visto tanto di questo mondo, nel bene e nel male, e sentivo l’esigenza di raccontare la mia esperienza.


Grazie per essere stata con noi, per aver partecipato al nostro Contest e per regalarci emozioni con i tuoi libri. In bocca al lupo per tutto!
Grazie infinite a voi per la vostra disponibilità e per l’impegno che ogni giorno mettete a disposizione delle lettrici e di noi autrici!

Commenti