Buongiorno Disasters, 
vi ripropongo la mia recensione di Amore per tre, di Fabiola D'Amico: se seguivate l'altro blog l'avrete sicuramente letta, ma mi sembrava giusto fare un ripassino prima di andare oltre... nel pomeriggio parleremo del secondo libro della serie, Io lo chiamo amore, che ho letto in anteprima... rimanete sintonizzati!

Titolo: Amore per tre (Serie Cupido - vol. 1)
Autore: Fabiola D’Amico
Edizione: Newton Compton Editori
Prezzo: 2,99 e-book
Sinossi:
Klain e Simone vivono a New York. Non si conoscono, ma s’incrociano spesso a Central Park durante le loro corsette mattutine. Si piacciono, tuttavia nessuno dei due fa nulla per sbloccare la situazione, finché, quando lui salta una corsa al parco, si perdono di vista. Klain ha una figlia di sei anni, Danielle. Un giorno, confida alla piccola che gli piace una ragazza di cui però non sa nulla. La bambina chiede allora a Babbo Natale di far incontrare la donna misteriosa al padre, così che possa diventare la sua fidanzata. Klain, che ama la figlia più di qualunque altra cosa al mondo, decide di cercare di esaudire il suo desiderio. Come per magia, riesce a rintracciare Simone e viene a sapere che sta per lasciare per sempre New York. A quel punto, si fa avanti e le chiede di fingersi la sua fidanzata per il periodo di Natale. E se invece fosse per sempre?
Recensione:
Per mesi Klain ha corso ogni mattina accanto a una ragazza misteriosa: non ha mai visto il suo volto, perennemente nascosto da un cappuccio, ma ha imparato a conoscerne il respiro e ad aspettare con ansia quel momento, solo per poterla vedere. Simone è una donna che si nasconde e allontana le altre persone: non ha fiducia in nessuno, se non nella sua amica Ale, che non si è lasciata ingannare dalle apparenze e le ha dato un lavoro nel momento in cui più ne aveva bisogno.
Ma il punto forte di questo libro è sicuramente Danielle: non è una semplice bambina, ma una vera forza della natura, che sembrerebbe essere ispirata a una delle figlie dell’autrice. Per renderla felice Klein è disposto a tutto, perfino a chiedere alla sconosciuta di Central Park di passare il Natale con loro. Simone avrebbe mille buone ragioni per rifiutare, ma il fascino di Danielle e quello di Klein risultano irresistibili. Solo che quando comincia a considerare la possibilità di restare per sempre, qualcosa va terribilmente storto, rimettendo tutto in discussione…
Un libro dolce come il miele, che scalda il cuore anche in una gelida notte di dicembre a New York.
Avevo già avuto modo di conoscere Fabiola D’Amico, grazie al primo romanzo pubblicato da Newton Compton “Un giorno da favola”. Se già allora mi era piaciuta, con “Amore per tre" ha decisamente superato se stessa. Il miglioramento c’è stato e si vede: questo romanzo mi ha conquistata pagina dopo pagina, cosa che difficilmente accade con le narrazioni in terza persona. Ho apprezzato molto le citazioni letterarie all’inizio di ogni capitolo.


Commenti